PROGETTO FORMATIVO

I giovani

 

 

La scelta principale: I GIOVANI

Il Signore ha indicato a Don bosco i giovani, specialmente i più poveri,come primi e principali destinatari delle sue opere. Povertà antiche e povertà nuove causate da un disagio sempre più generalizzato, da istituzioni educative carenti, da mancanza di significato di vità e di opportunità sociali, da forme di emarginazione culturali, sociali e religiose.
Il nostro oratorio, chiamato alla stessa missione, fa sua questa scelta specifica, ne avverte l’estrema importanza per i giovani stessi e per il futuro della Chiesa e della società, mette a disposizione tutte le sue forze, persone e strutture per questi destinatari amati e privilegiati.
Accogliamo tutti i giovani che il signore ci manda; li incontriamo al punto in cui si trova la loro libertà e camminando con loro li aiutiamo ad aprirsi ad una verità e a costituirsi una libertà responsabile che realizzi in pienezza ogni loro vocazione.

Il Sistema Preventivo di Don Bosco


Don BoscoPer compiere la nostra missione scegliamo il SISTEMA PREVENTIVO DI DON BOSCO. Esso si basa sulla ragione, religione e amorevolezza. Inoltre associa tutti, educatori, giovani, genitori in un’esperienza di vita caratterizzata da un clima di famiglia, di fiducia e di dialogo. Siamo convinti che l’impegno per l’educazione sia uno degli apporti fondamentali per la costruzione di un mondo migliore e per l’avvento del Regno di Dio.
I tre elementi che caratterizzano il Sistema Preventivo, ragione, religione e amorevolezza, vanno approfonditi sia singolarmente, sia nel loro vicendevole rapporto. Esse, inoltre, suggeriscono agli educatori e animatori una serie di atteggiamenti che rendono il metodo fruttuoso: la fede, la ragionevolezza, la carità pedagogica, l’accoglienza, la pazienza, la preventività, l’ottimismo, ecc.
L’ambiente educativo che si crea, ricco di umanità, di gioia e di impegno diventa già in se stesso vincolo ed espressione di valori e di proposte.
L’incontro personale e il rapporto educativo che si instaura, in uno stile del dare e del ricevere, abiliteranno i giovani e scelte libere, motivate e mature.

La comunione e la condivisione tra salesiani e laici


La Chiesa e i salesiani sono in cammino verso una effettiva e reale valorizzazione dei laici e del loro apporto peculiare nell’educazione e nella pastorale. Si vuole quindi promuovere esperienze, processi operativi e strutture, capaci di corresponsabilità che promuovano e favoriscano la comunione e la condivisione della missione e delle spirito di Don bosco tra salesiani e laici.


CHE COS’E’ L’ORATORIO SALESIANO


L’oratorio, secondo l’idea di Don Bosco, mirava a far crescere “BUONI CRISTIANI E ONESTI CITTADINI”, ha quindi come obiettivo la promozione integrale della persona.
Oggi non sono mutati i tratti caratteristici e i principi ispiratori di Don bosco, ma sono cambiate le situazioni socio-educative e i fenomeni culturali che influiscono sulla condizione giovanile.

L’oratorio va concepito come una realtà espressa in molteplici forme di realizzazioni possibili, ma con alcune caratteristiche essenziali:

Oratorio

  • Un ambiente di ampia accoglienza aperto a una gran diversità di giovani, con una grande varietà di proposte e di livelli di appartenenza a seconda delle fasce a cui si rivolge; caratterizzato per un protagonismo giovanile e una realizzazione personale così significativa che lo fa un ambiente di riferimento e di irradiazione per i giovani del territorio.
  • Un luogo capace di offrire un’autentica educazione umana, che sa cogliere i valori positivi presenti nella società e nella cultura in cui vivono i giovani, e favorire la loro assimilazione; in particolare, una connotazione caratteristica dell’oratorio è la promozione delle valenza educative delle più diverse forme di tempo libero.
  • Un programma di evangelizzazione missionaria rivolto in forma prioritaria ai giovani più lontani per offrire loro, attraverso il risveglio e l’approfondimento della loro domanda di vita e di compagnia, un cammino di educazione alla fede adatto alle loro situazioni e sensibile alla realtà ecumenica ed interreligiosa nella quale vivono.
  • Una presenza cristiana nel mondo giovane e nella società civile, capace di offrire risposte educative ed evangeliche significative alle sfide e alle urgenze più sentite.

 

 

Tutto questo richiede un cammino che a partire da quei valori di riferimento risponda alle nuove situazione attraverso una progettualità chiara portata avanti dall’intera comunità educativa: senza questo sforzo unitario la Pastorale Oratoriana resta priva di risultato.

Questa organicità si realizza attraverso:

  • La CEP (Comunità Educativa Pastorale)
  • Il PEPS ( Progetto Educativo Pastorale Salesiano)

 

LA COMUNITA’ EDUCATIVA PASTORALE (CEP)


E’ l’espressione concreta della presenza salesiana come don Bosco ha voluto, cioè:

Comunità: coinvolge in un clima di famiglia giovani e adulti, educatori e genitori, salesiani e laici fino a voler diventare una esperienza di Chiesa;

Educativa
: colloca al centro dei suoi progetti, relazioni e organizzazione, la preoccupazione delle potenzialità dell’intera Comunità in tutti gli aspetti: fisico, psicologico, culturale, sociale, educativo …


Pastorale: perché si apre alla evangelizzazione, cammina con i giovani incontro a Cristo, e realizza un’esperienza di Chiesa, dove con i giovani si vogliono sperimentare i valori della comunione umana e cristiana con dio e con gli altri.
Costituiscono la CEP tutti coloro che operano nell’ambito dell’Oratorio e della Comunità:

  • La comunità salesiana e l’incaricato laico dell’oratorio , garanti dell’identità salesiana e centro di comunione e partecipazione;
  • I giovani, punto di riferimento fondamentale nell’azione della comunità che non solo lavora in mezzo a loro, ma con loro;
  • I genitori, come primi e principali responsabili dell’educazione dei propri figli;
  • I laici a vario titolo responsabili e collaboratori che operano nell’ambito dell’opera.

Tutti costoro collaborano a diversi livelli nello stesso processo educativo, vicendevolmente si arricchiscono e condividono un cammino comune di formazione.

Don Bosco

 

 

IL PROGETTO EDUCATIVO PASTORALE SALESIANO (PEPS)


Il PEPS si pone l’obiettivo di fornire alle varie realtà dell’oratorio linee guida, ossia un criterio oratoriano, attraverso il quale impostare un cammino comunitario verso mete generali condivise da tutti per rispondere ai bisogni di tutti i giovani.
I destinatari di questo documento sono tutti coloro che, nei diversi modi e tempi, si occupano dell’educazione dei giovani, secondo lo stile di Don Bosco: salesiani, educatori, animatori, allenatori, catechisti, ecc

Realizzazione del sito a cura di: Michele Damiano
www.asd-donboscorivoli.it  asd-donboscorivoli www.asd-donboscorivoli.it  donboscoland www.elledici.org  elledici www.infoans.org  infoans
www.lachiesa.it  lachiesa www.pastorale.valdocco.it  pastorale valdocco www.pinguotto.com  pinguotto sdb  sdb
Calendario e appuntamenti